Home NEWS Caro Draghi, serve lockdown fino al 1° maggio, e 65% di rimborso...

Caro Draghi, serve lockdown fino al 1° maggio, e 65% di rimborso delle perdite. Diversamente sarà il deserto …

205
0

Esimio Presidente Draghi, ci solleva il suo ottimismo per l’uscita dalla pandemia, e siamo sicuri che riuscirà a vaccinare 600mila persone al giorno, e coprire l’80% della popolazione entro settembre, ma non crediamo sia sufficiente, anche se le cose che dice (da sempre) POI LE FA VERAMENTE !

Ma temiamo che non ci siamo con i tempi, mentre arriveranno le vaccinazioni, le varianti al covid, che insorgono da ogni dove, , prima fra tutte quella inglese, saranno piu’ veloci della copertura vaccinale.

La nostra proposta è questa:

  1. Lockdown totale fino al 30 aprile 2021.
  2. Fondo perduto entro 15 giorni dalla domanda certificata da un revisore con visto leggero,  pari al 65% della perdita di fatturato tra febbraio, marzo, e aprile 2019  rispetto a febbraio, marzo, aprile 2021, confronto mese 2019 (meno) mese 2021.
  3. Chi apre adesso l’azienda – anche dopo l’entrata in vigore del decreto sostegno, avrà diritto a  un contributo a fondo perduto minimo di 3000 euro una tantum, e 5000 euro per gli enti diversi dalle persone fisiche, che abbiamo le iscrizioni fatte (e non solo la partita iva) con l’impegno di non cessare l’attività se non dopo 1 anno dall’apertura, e con movimenti finanziari solo tracciati. Tutor, reclutati tra commercialisti ed esperti di invitalia, per seguire i neo imprenditori nella prima organizzazione della idea aziendale.

Lei ha detto qualche tempo fa:” Il debito bisogna utilizzarlo per rattoppare le crepe dell’economia” …

Ecco, per rattopparle appunto, e quindi far sopravvivere le imprese dopo questo drammatico momento sanitario ed economico occorre un ristoro almeno del 65% di RISPETTO ALLA PERDITA del MESE di lockdown da calcolarsi sul confronto tra mese 2019 e mese 2021, CON CONTROLLO DELLA FINANZA DE VISU, A CHI FARA’ DOMANDA DI FONDO PERDUTO. QUESTO FINO A QUANDO NON SI RIAPRE …. E PER OGNI MESE… OVVIAMENTE VERIFICANDO SUL NASCERE, GLI EVASORI E I FURBI, “PRIMA DI FARE DOMANDA”.

CREDO CHE DIVERSAMENTE AVREMO TANTE VITTIME DA CORONAVIRUS (LA COSA PIU’ GRAVE E INACCETTABILE) MA DOPO RIVEDREMO IL DOPO GUERRA ECONOMICO.

LA PREGO LEGGA QUESTA PROPROSTA, I SOLDI DEL RECOVERY FUND LI USI “ADESSO” NON DOPO ,,, ORA O MAI PIU’ … GRAZIE PINO MEROLA

In una Italia defraudata da qualsiasi guida politica e sociale che possa dare vigore alle idee dei virgulti che si affacciano al mondo del lavoro, spesso costretti a dimenticare attraverso droghe, spunta il Draghi che non ti aspetti: “Poco televisivo, schivo alle uscite a reti unificate, poche parole chiare e semplici “. Proprio per questo ci aspettiamo che Draghi, stia preparando un piano strategico che metterà in atto dopo Pasqua, per far diventare realtà la promessa fatta ieri, in occasione della visita alla Croce Rossa.

Il commissario straordinario Generale Figliuolo ha confermato che entro settembre l’80 per cento degli italiani saranno vaccinati!

Intanto è necessario avere un altro kilometro di pazienza, perché è in atto la terza ondata, e come ha dichiarato Galli infettivologo e direttore del “FatebeneFratelli di Milano”

asserendo che “tra due settimane sarà chiaro a tutti che la variante inglese sarà prevalente, mentre ora è solo un dato di laboratorio. Se c’è qualcuno che non è in grado di anticipare i tempi non ci posso discutere”.

Dunque, con queste previsioni sanitarie, non conformate da altri virologi del Cts, il piano Draghi Figliuolo potrebbe arrivare in ritardo, rispetto alla nuova ondata di coronavirus in variante che probabilmente colpirà a a ridosso di Pasqua.

Ma di variante sembra che ne stiano nascendo moltissime, ed è questo il dato piu’ preoccupante, oltre a scongiurare subito altri decessi per covid, ancora molto alti per ogni giorno.

Cosa fare ?

Intanto, utilizzare l’informazione per tempestare noi popolo, a usare le protezioni, come disinfettante per le mani e mascherine al chiuso.

Sul fronte economia bisogna fare di piu’ presidente Draghi, la situazione economica sta sfuggendo di mano anche a Lei, e anche se porta il nome Mario Draghi.

Necessario aumentare il fondo perduto per il lucro cessante vero e certificato di chi ha perso fatturato, non in misura del 20 o 15% ma almeno del 75%, diversamente azienda medio piccole con dieci dipendenti, fermi dalle zone rosse, non riusciranno a restare aperte, e il fondo perduto sarà perso davvero. In germania ci risulta che il fondo perduto è molto più elevato rispetto alla perdita di fatturato.

La nostra proposta è questa:

  1. Lockdown totale fino al 30 aprile 2021.
  2. Fondo perduto pari al 65% della perdita certificata di fatturato tra febbraio, marzo, aprile 2019  rispetto a febbraio, marzo, aprile 2021.
  3. Chi apre adesso l’azienda – anche dopo l’entrata in vigore del decreto sostegno, erogare un contributo a fondo perduto minimo di 3000 euro una tantum, e 5000 euro per gli enti diversi dalle persone fisiche. Che abbiamo tutte le iscrizioni fatte (e non solo la partita iva) con l’impegno di non cessare l’attività se non eventualmente dopo 1 anno dall’apertura. Tutor, reclutati tra commercialisti ed esperti di invitalia, per seguire i neo imprenditori nella prima organizzazione della idea aziendale.

 

Visited 2 times, 1 visit(s) today

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here