lo-spietato-sessismo-dei-dati

Lo spietato sessismo dei dati

I dati possono essere sessisti? Secondo Bill Gates e sua moglie Melinda, sì. La coppia miliardaria ne ha parlato nella sua consueta lettera annuale di bilancio sui dodici mesi precedenti. Di che cosa si tratta? Lo spiega lei: “Ciò che decidiamo di misurare è lo specchio di ciò che la società ritiene importante”. Il punto, sostiene lei, è che troppo spesso le decisioni politiche vengono adottate sulla base di dati parziali: l’universo femminile non sarebbe cioè preso in sufficiente considerazione.

L’aspetto che interessa ai Gates è soprattutto quello economico: “I pochi dati che abbiamo sulle donne nei Paesi in via di sviluppo riguardano principalmente la sfera riproduttiva”, cioè il numero di figli che mettono al mondo,

 » Continua su AGI.IT

(Visited 1 times, 1 visits today)

Rispondi

BACK TO TOP