Legge di bilancio esenzione contributiva

7

Per i datori di lavoro, la gestione della nuova esenzione contributiva presenta una serie di criticità legate al cumulo con altre esenzioni. Le implicazioni sono di ampia portata e hanno notevoli implicazioni legali e finanziarie che devono essere valutate con attenzione. In primo luogo, è fondamentale garantire che qualsiasi indennità o beneficio concesso ai dipendenti per lo stesso scopo non si sovrapponga all’esenzione contributiva previsto dalla Legge di Bilancio 2023. Questo aspetto è regolato dagli articoli 2 e 3 della Circolare INPS n. 7, che forniscono una spiegazione dettagliata su come gestire insieme esenzioni e benefici all’interno di un’organizzazione.

In secondo luogo, i datori di lavoro devono essere consapevoli del fatto che i pagamenti degli esoneri contributivi sono soggetti all’imposta sul reddito e che, di conseguenza, questa deduzione non ridurrà il reddito di lavoro ai fini dell’imposta sul reddito. Ciò significa che gli esoneri contributivi saranno conteggiati come salario lordo ai fini dell’imposta sul reddito e l’importo dell’esonero contributivo dovrà essere preso in considerazione nel calcolo del reddito imponibile totale annuo del dipendente.

Infine, i datori di lavoro devono essere consapevoli dei limiti di esenzione contributiva, che sono determinati dal reddito imponibile del . Come specificato in legge di bilancio 2023 che prevede un esonero contributivo del 3% per chi ha un reddito imponibile fino a 1.923 euro e del 2% per chi ha un reddito imponibile fino a 2.692 euro.

Queste sono alcune delle principali criticità che i datori di lavoro devono tenere in considerazione nella gestione degli sgravi contributivi dovuti ai dipendenti come previsto dalla Legge di Bilancio

(Visited 9 times, 1 visits today)

_________________________________

_________________________________



CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here