Home bevande Finanziamenti peer to peer lending: precisazioni sul trattamento fiscale

Finanziamenti peer to peer lending: precisazioni sul trattamento fiscale

1
0

Con due risposte ad altrettanti interpelli del 9 giugno 2020, l’Agenzia delle entrate, giunge a conclusioni collegate in materia di tassazione di finanziamenti e proventi da peer to peer lending. In sostanza, afferma che il gestore non autorizzato dalla Banca d’Italia non effettua la ritenuta e che, se la ritenuta non è operata, il provento finisce nel reddito imponibile del finanziatore. Le due affermazioni, così sintetizzate, partono da due punti di vista diversi.
 
Con il primo interpello (il n. 168), infatti, una società italiana, intenzionata a gestire una piattaforma online di peer to peer lending – finalizzata alla raccolta di capitali da parte di soggetti professionali e non per sostenere lo sviluppo di progetti di tecnologia digitale applicata ai servizi finanziari, proposti da imprese, enti pubblici e privati – in qualità di gestore e agente di un Istituto di pagamento francese con cui autorizzerà le varie transazioni,  » Read More

(Visited 1 times, 1 visits today)