Autoriciclaggio buste paga gonfiate. Sentenza della Corte di Cassazione 25979 del 7 giugno 2018.

Autoriciclaggio buste paga gonfiate. Sentenza della Corte di Cassazione 25979 del 7 giugno 2018.

Questa la sintesi della Sentenza della Corte di Cassazione 25979 del 7 giugno 2018.

Commette reato di autoriciclaggio chi gonfia l’importo delle buste paga dei dipendenti, costringendoli ad accettare stipendi inferiori rispetto alle buste paga ufficiali che presentano netti a pagare maggiori.

Il datore di lavoro, dovrà rispondere di estorsione e autoriciclaggio quando costringe i propri dipendenti ad accettare stipendi effettivi inferiori alle buste paga e a protrarre il lavoro per un orario superiore a quanto previsto in contratto.

Questo quando lo stesso datore di lavoro utilizzi i soldi in nero derivanti dal reato di estorsione per pagare DIPENDENTI NON ASSUNTI REGOLARMENTE MA STRETTI DA RAPPORTO DI FIDUCIA.

 

L’articolo Autoriciclaggio buste paga gonfiate. Sentenza della Corte di Cassazione 25979 del 7 giugno 2018. proviene da Rivista Fiscale Web.

 » Read More

(Visited 6 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *